26 Ottobre 2018

Applicabilità del regime impatriati al lavoratore straniero trasferito in Italia

di Redazione Scarica in PDF

L’Agenzia delle entrate, con risposta a interpello n. 45 del 23 ottobre 2018, ha chiarito che, in presenza di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 16, D.Lgs. 147/2015, le peculiari condizioni di rientro dall’estero dei dipendenti, rispondendo alla ratio della norma, non precludono ai lavoratori in posizione di distacco l’accesso al regime speciale per i lavoratori impatriati. Nello specifico, il trasferimento in Italia di un lavoratore straniero che venga assegnato da una società italiana a un nuovo ruolo di portata superiore rispetto al precedente, grazie alle specifiche competenze maturate nelle esperienze lavorative all’estero, determina l’ammissione a fruire della suddetta agevolazione.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Gestire la sicurezza del lavoro dopo l’emergenza Covid-19