25 Marzo 2020

Assegnazione reiterata a mansioni superiori: diritto alla promozione

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 23 gennaio 2020, n. 1556, ha ritenuto che, in materia di lavoro, l’assegnazione reiterata a mansioni superiori fa scattare il diritto alla promozione automatica in forza dell’articolo 2103, cod. civ., se risponde a esigenze strutturali. Sono sufficienti, in proposito, una programmazione iniziale delle molteplicità degli incarichi e la predeterminazione utilitaristica del comportamento; tali elementi possono evincersi da circostanze obiettive, per esempio la rispondenza della frequenza e sistematicità delle assegnazioni a un’esigenza strutturale del datore di lavoro, tale da rivelare l’utilità per l’organizzazione aziendale della professionalità superiore.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Sconto 50% su tutta la formazione specialistica in modalità web