6 Marzo 2018

Attività svolta nei locali del committente: cooperazione nella valutazione dei rischi

di Redazione Scarica in PDF

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con risposta a interpello n. 1 del 14 febbraio 2018, è intervenuta sull’adozione delle misure di sicurezza sui luoghi di lavoro in caso di aziende che svolgono la propria attività utilizzando locali appartenenti al committente, precisando che i datori di lavoro, committenti, appaltatori e subappaltatori devono cooperare per l’attuazione di misure di prevenzione e protezione e devono coordinare gli interventi, anche informandosi reciprocamente

Il Ministero risponde a 3 quesiti relativamente alla fattispecie di un datore di lavoro che, erogando servizi a soggetti committenti, utilizzi locali della committenza e fornisca i servizi in tutti gli ambienti di tali locali, chiarendo che anche tale datore è tenuto all’adempimento degli stessi obblighi del committente relativi a rischi specifici della propria attività suscettibili di dare luogo a situazioni di emergenza. Il datore di lavoro committente, in caso di affidamento di lavori a imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda, deve fornire dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell’ambiente in cui sono destinati a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia: 

La circolare di lavoro e previdenza