9 novembre 2017

Benefici contributivi: ulteriori chiarimenti dell’Ispettorato

di Fabrizio Nativi Scarica in PDF

L’Ispettorato, con la nota n. 255 del 17 ottobre 2017, ha fornito ulteriori chiarimenti rispetto a quelli di cui alla circolare n. 3/2017 dello scorso 18 luglio, in ordine al recupero di benefici normativi e contributivi, ai sensi dell’articolo 1, comma 1175, L. 296/2006.

Viene chiarito anzitutto che, quando dall’ispezione derivi l’accertamento di violazioni che comportano contemporaneamente anche la quantificazione di omissioni contributive, si determineranno 2 distinti effetti: gli effetti della violazione di legge comportano il recupero dei benefici limitatamente ai singoli lavoratori e ai periodi per i quali si sia protratta la violazione, a prescindere da successive regolarizzazioni. Quanto all’omissione contributiva (anche se derivante dalle medesime violazioni), quest’ultima può comportare l’impedimento al rilascio del Durc, che invece ha effetti per l’intera compagine aziendale. Il meccanismo dell’invito a regolarizzare di cui all’articolo 4, D.M. 30 gennaio 2015, opera però anche nell’ipotesi in cui le stesse omissioni siano accertate in sede ispettiva in relazione a uno o più lavoratori. L’impedimento alla fruizione dei benefici per l’intera compagine aziendale sarà quindi eventualmente un effetto del mancato invito a regolarizzare (adottato tuttavia dall’Istituto previdenziale e non dal personale ispettivo) e del conseguente mancato rilascio del Durc.

Quanto alle violazioni di cui all’allegato A, D.M. 30 gennaio 2015, che costituiscono cause ostative al rilascio del Durc, se accertate con provvedimenti amministrativi o giurisdizionali definitivi, dovrà darsi comunicazione agli Istituti dell’adozione di ordinanze ingiunzione non impugnate, ovvero di sentenze definitive, per la successiva sospensione del Durc. In proposito è opportuno osservare come non rilevi, in tal caso, il pagamento della sanzione a seguito di emissione del provvedimento definitivo e, quindi, quanto possa risultare vantaggiosa l’estinzione agevolata della violazione su verbale.

 

Segnaliamo ai lettori che è possibile inviare i propri commenti tramite il form sottostante.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Costo del lavoro: valutazione comparativa dei contratti di lavoro e dei sistemi di incentivazione