BLOG

Cambiare tutto per non cambiare niente?

  La sentenza della Corte di Cassazione n.20540/15 è stata spiegata dai primi commentatori con spirito gattopardesco, un misto di cinica realtà e rassegnazione: se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi. La citazione della celebre frase di Tomasi da Lampedusa parrebbe adattarsi al caso delle tutele crescenti: anche se il Legislatore ha…

Continua a leggere...

Esonero contributivo: istruzioni 2015, riduzioni 2016

  In prossimità della scadenza dell’esonero contributivo 2015, e nell’attesa che prenda definitivamente forma quello per il 2016, sicuramente meno vantaggioso rispetto a quello attualmente in essere, l’Inps, con circolare n.178 del 3 novembre 2015, ha diffuso una serie di chiarimenti operativi volti a definirne con maggiori certezze le condizioni di applicabilità. Chiarimenti forse più…

Continua a leggere...

Il Jobs Act degli autonomi

  Pur di non farsi mancare nulla il Governo ha pensato bene, oltre la rivoluzione operata tra 2014 e 2015 nel mondo del lavoro subordinato e parasubordinato, di mettere sul tavolo anche un Jobs Act per i c.d. lavoratori autonomi. Da quanto si apprende il testo sarà promulgato in forma di collegato alla prossima Legge…

Continua a leggere...

Prosecuzione dell’attività lavorativa fino a 70 anni e articolo 18

  Il D.L. n.201/11 ha introdotto una complessa normativa in materia previdenziale all’interno della quale, all’art.24, vi è una disposizione, relativa alla prosecuzione dell’attività di lavoro, che, a fronte di una ratio intuibile (integrata dall’esigenza di stabilizzare il sistema pensionistico, prevedendo meccanismi di differimento di accesso al trattamento di quiescenza ed incentivi al trattenimento in…

Continua a leggere...

Ricorsi avverso verbali ispettivi 2.0

  Il Jobs Act, oltre a ridisegnare i servizi ispettivi in materia di lavoro, costituendo il nuovo Ispettorato Nazionale del Lavoro, col D.Lgs. n.149/15 riforma le procedure e le regole dei ricorsi amministrativi in materia di lavoro e previdenza. Specificatamente, la nuova disciplina muta profondamente l’assetto dei rimedi extragiudiziari avverso gli atti di accertamento ispettivi….

Continua a leggere...

La tassazione della Q.u.i.r. vista dall’Agenzia delle Entrate

  A seguito di un quesito posto da Assosoftware, l’Agenzia delle Entrate, con risposta datata 1° ottobre 2015, ha analizzato alcuni effetti fiscali della richiesta della Q.u.i.r. (quota di integrazione della retribuzione che consente la liquidazione mensile del Tfr maturato), esprimendo parere in merito ai seguenti quesiti: il corretto calcolo dell’aliquota di tassazione del Tfr,…

Continua a leggere...

Sospensione dell’apprendistato: perché non riordinarla?

  Tra i contratti oggetto del riordino operato con il D.Lgs. n.81/15 vi è anche l’apprendistato, considerato da tutte le recenti riforme del lavoro elemento centrale per l’inserimento lavorativo dei giovani e, quindi, meritevole di progressive semplificazioni ed estensioni di applicabilità. Nonostante gli intenti, è evidente il mancato riordino in riferimento agli effetti della sospensione…

Continua a leggere...

In un mondo (del lavoro) difficile, la parola magica è solidarietà

  L’enorme e preoccupante ricorso agli ammortizzatori sociali degli ultimi 7-8 anni ha raschiato profondamente le casse dell’Inps. Strumenti creati in epoche ben distanti da quelle in cui li abbiamo utilizzati sono parsi inadatti e incompleti, tanto da costringere la prassi, spesso in modo scoordinato, a colmare le lacune lasciate dalla fonte primaria. A tal…

Continua a leggere...

Semplificazioni per l’autoliquidazione Inail

  L’articolo 21 del D.Lgs. n.151/15 ha, tra l’altro, apportato modifiche alla disciplina in materia di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e, in particolare, all’art.28, D.P.R. n.1124/65, affinché l’Inail non sia più tenuto ad inviare entro il 31/12 le c.d. Basi di calcolo ai datori di lavoro, ma le…

Continua a leggere...

Cigo: aspettando le istruzioni Inps

  L’eco della riforma del lavoro, nota come Jobs Act, non è destinato a smorzarsi a breve. Con la pletora di decreti (sono ben otto) approvati nel 2015 si è infatti fortemente rivoluzionato il diritto del lavoro. Più o meno tutti i decreti hanno impattato in modo diretto sulle aziende e gli operatori, altri (si…

Continua a leggere...