BLOG

Gestione fiscale dei c.d. non residenti Schumacker

  Il decreto 21 settembre 2015 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicato sulla G.U. n.231/15, dispone l’attuazione dell’art.24, co.3-bis, Tuir, che, come previsto dall’art.7, legge “europea” n.161/14, ha introdotto nel nostro ordinamento il regime dei c.d. non residenti Schumacker. A tal proposito l’art.7, L. n.161/14, con effetto dal 1° gennaio 2014, ha inserito il…

Continua a leggere...

Il Terziario fissa le regole per gli accordi di secondo livello

    Il settore del Terziario, con l’accordo interconfederale del 26 novembre 2015 sottoscritto da Confcommercio e Cgil, Cisl e Uil, ha definito le proprie regole in materia di rappresentatività e rappresentanza. Rispetto all’accordo sottoscritto nel 2014 da Confindustria, la misurazione della rappresentatività per la contrattazione nazionale è determinata, oltre che dal numero di deleghe…

Continua a leggere...

Lavoro accessorio nell’impresa e obblighi di sicurezza

  Tra le modifiche apportate dal D.Lgs. n.151/15 al Testo Unico in materia di sicurezza contenuto nel D.Lgs. n.81/08, si conta la sostituzione del co.8, art.3, che ora prevede, nei confronti dei lavoratori che effettuano prestazioni di lavoro accessorio, l’applicazione delle disposizioni del D.Lgs. n.81/15 e delle altre norme speciali in materia di tutela della…

Continua a leggere...

La Stabilità di Don Abbondio

  La fine dell’anno fomenta la trepidante attesa della Legge di Stabilità nel suo testo definitivo … Paese strano il nostro, dove nel mese di dicembre vengono emanate le novità che andranno ad incidere l’anno successivo, condizionate però nella loro applicazione da decreti attuativi e circolari applicative, così da poterne comprendere la bontà solamente ad…

Continua a leggere...

Sempre legittimo l’utilizzo personale della posta elettronica o di internet?

  A ridare anima al fuoco della discussione sulla modifica apportata all’art.4 dello Statuto dei Lavoratori dal D.Lgs n.151/15, arriva una recentissima sentenza della Cassazione, la n.22353 del 2 novembre 2015. Naturalmente la sentenza non può riguardare la norma novellata, ma reputo che la stessa possa prospettare posizioni future, che i giudici potranno “cavalcare” anche…

Continua a leggere...

Cambiare tutto per non cambiare niente?

  La sentenza della Corte di Cassazione n.20540/15 è stata spiegata dai primi commentatori con spirito gattopardesco, un misto di cinica realtà e rassegnazione: se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi. La citazione della celebre frase di Tomasi da Lampedusa parrebbe adattarsi al caso delle tutele crescenti: anche se il Legislatore ha…

Continua a leggere...

Esonero contributivo: istruzioni 2015, riduzioni 2016

  In prossimità della scadenza dell’esonero contributivo 2015, e nell’attesa che prenda definitivamente forma quello per il 2016, sicuramente meno vantaggioso rispetto a quello attualmente in essere, l’Inps, con circolare n.178 del 3 novembre 2015, ha diffuso una serie di chiarimenti operativi volti a definirne con maggiori certezze le condizioni di applicabilità. Chiarimenti forse più…

Continua a leggere...

Il Jobs Act degli autonomi

  Pur di non farsi mancare nulla il Governo ha pensato bene, oltre la rivoluzione operata tra 2014 e 2015 nel mondo del lavoro subordinato e parasubordinato, di mettere sul tavolo anche un Jobs Act per i c.d. lavoratori autonomi. Da quanto si apprende il testo sarà promulgato in forma di collegato alla prossima Legge…

Continua a leggere...

Prosecuzione dell’attività lavorativa fino a 70 anni e articolo 18

  Il D.L. n.201/11 ha introdotto una complessa normativa in materia previdenziale all’interno della quale, all’art.24, vi è una disposizione, relativa alla prosecuzione dell’attività di lavoro, che, a fronte di una ratio intuibile (integrata dall’esigenza di stabilizzare il sistema pensionistico, prevedendo meccanismi di differimento di accesso al trattamento di quiescenza ed incentivi al trattenimento in…

Continua a leggere...

Ricorsi avverso verbali ispettivi 2.0

  Il Jobs Act, oltre a ridisegnare i servizi ispettivi in materia di lavoro, costituendo il nuovo Ispettorato Nazionale del Lavoro, col D.Lgs. n.149/15 riforma le procedure e le regole dei ricorsi amministrativi in materia di lavoro e previdenza. Specificatamente, la nuova disciplina muta profondamente l’assetto dei rimedi extragiudiziari avverso gli atti di accertamento ispettivi….

Continua a leggere...