BLOG

Semplificare o non semplificare: questo è il problema

  Non so voi, ma io ho passato i molti anni della mia professione sentendo continue esortazioni alla semplificazione della normativa italiana. Non essendo mai stata effettivamente praticata una simile attività – ce ne accorgiamo del resto giornalmente nei nostri Studi – ecco che, a fronte di nuove disposizioni, mi accingo a leggerle con una…

Continua a leggere...

I nuovi confini della disciplina del lavoro autonomo e subordinato

  La linea di confine tra lavoro autonomo e lavoro subordinato nell’ordinamento giuslavoristico italiano è sempre stata decisiva, per una ragione molto semplice: la quasi totalità delle tutele riservate ai lavoratori dal nostro Legislatore sono dedicate al lavoro subordinato. Trovarsi dentro il “perimetro” della subordinazione significava – e significa ancora oggi – per un lavoratore…

Continua a leggere...

È giunto il tempo di ammortizzare le critiche

  Chi, come me, è abituato a commentare le azioni del Legislatore, sa che ha a propria disposizione un’arma sempre carica e sempre pronta a colpire il lettore: la critica. Anche in carenza di argomenti la critica può sempre aiutare a completare un pezzo, è sicuramente più semplice da esporre rispetto a un approfondimento ed…

Continua a leggere...

La riforma dei controlli a distanza

  In relazione ai controlli a distanza, l’art.23, D.Lgs. n.151/15, ha riscritto l’art.4 dello Statuto dei Lavoratori, senza rivoluzionare completamente la materia, ma riordinandola e rispondendo, a mio avviso con ragionevolezza ed equilibrio, ad alcuni problemi che la vecchia disciplina aveva lasciato irrisolti. Non mancano comunque aspetti ancora poco chiari, che non potrebbero generare contenzioso…

Continua a leggere...

La “telematizzazione” del diritto del lavoro nel segno della Semplificazione

  Il D.Lgs. n.151/15, dal titolo suggestivo “Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183”, pubblicato in G.U. n.221 del 23 settembre, S.O. n.53, affronta temi…

Continua a leggere...

Il lavoro a termine nell’era del Jobs Act

  Poco alla volta l’ambizioso e complesso mosaico del c.d. Jobs Act si sta completando, considerato che il Governo, sebbene con dei ritardi da considerarsi, vista la complessità delle tematiche trattate, del tutto fisiologici e, tutto sommato, ipotizzabili sin dall’origine del cammino intrapreso (la Legge delega n.183/14), ha, di fatto, completato il mandato ricevuto, licenziando…

Continua a leggere...

Il cubismo legislativo sul potere di controllo del datore di lavoro

L’ordinamento del lavoro italiano a volte supera i confini di quelle arti pittoriche che hanno segnato la distanza tra la visione reale e la visione della realtà artistica. Gli interpreti riescono poi a superare anche l’immaginario artistico, proiettando prospettive applicative indefinite. Basti pensare che le norme, che sino all’ingresso delle modifiche introdotte dal Jobs Act…

Continua a leggere...

In attesa delle ennesime semplificazioni

Nell’attesa di poterne leggere il testo definitivo, qualche considerazione può essere anticipata sul decreto, attuativo della legge delega Jobs Act del dicembre scorso, che si appresta ad entrare in vigore con l’intento di razionalizzare e semplificare le procedure e gli adempimenti a carico di cittadini e imprese, oltre che a ritoccare le disposizioni in tema…

Continua a leggere...

Co.co.co.: che ne sarà di loro?

Difficile che, nel nostro ordinamento, taluni contratti atipici trovino quella tanto sospirata pace. Il nostro Legislatore – quand’anche la notevole giurisprudenza – rivisita in continuazione le regole del gioco, in una sorta di ripensamento continuo. Le collaborazioni, coordinate e continuative, in linea generale, sono transitate per l’occorrenza di un progetto (Legge Biagi), a una rivisitazione…

Continua a leggere...

Asse.co e le nuove deleghe ai consulenti del lavoro nel Jobs Act

I consulenti del lavoro sono una categoria reattiva. Lo devono essere un po’ per indole, un po’ per forza, perché devono reagire prontamente alle novelle normative incrementando le competenze professionali e la propria organizzazione. L’attuale scenario legislativo ha attribuito al consulente del lavoro nuovi e importanti ruoli: in parte già riconosciuti, in parte totalmente innovativi….

Continua a leggere...