NEWS DEL GIORNO

Sospensione attività imprenditoriale in edilizia: modi e tempi per la revoca

Il Ministero del Lavoro, con nota n.19570 del 16 novembre, ha offerto chiarimenti in merito a modalità e tempi per la revoca della sospensione di attività imprenditoriale nel settore edile, in seguito a quanto stabilito dalla circolare n.26/15. La richiamata circolare riprende la lettera circolare 22 agosto 2007, che, in relazione all’edilizia, precisa come il…

Continua a leggere...

Risarcimento secondo i conteggi del dipendente se il datore non contesta

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 15 ottobre 2015, n.20844, ha deciso che nel rito del lavoro il convenuto ha l’onere della specifica contestazione dei conteggi elaborati dall’attore, ai sensi degli artt.167, co.1, e 416, co.3 c.p.c., e tale onere opera anche quando il convenuto contesti la sussistenza del credito, poiché la negazione…

Continua a leggere...

Bando di gara viziato: l’Ente non può revocare il contratto del lavoratore

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 1° ottobre 2015, n.19626, ha stabilito che nel lavoro pubblico privatizzato gli atti di gestione del rapporto di lavoro individuale sono adottati con i poteri e le capacità tipici del datore di lavoro privato. Pertanto, l’Ente pubblico non può recedere dal contratto stipulato con il lavoratore come…

Continua a leggere...

Ccnl Tessili vari: confluenza nel Ccnl Uniontessile Confapi

Uniontessile Confapi, Fesica-Cisl, Filctem-Cgil e Uiltec-Uil, in data 9 novembre 2015, hanno siglato l’accordo di confluenza del Ccnl Tessili vari Confindustria (2.9.2010) nel Ccnl Uniontessile Confapi (7.10.2013), a seguito dell’uscita, a decorrere dal 1° aprile 2015, della Federazione Tessili Vari dal sistema confindustriale. Con le retribuzione afferenti al mese di aprile 2016 verranno applicati alle…

Continua a leggere...

Sostegno al reddito: in G.U. il decreto di prolungamento

È stato pubblicato sulla G.U. n.265 del 13 novembre il decreto 29 settembre del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero dell’Economia, che ha concesso il prolungamento dell’intervento di tutela del reddito, ad esclusione della contribuzione figurativa, in favore di n.1490 lavoratori che, nell’anno 2015, non rientrano nel contingente di 10.000 unità stabilito dall’art.12,…

Continua a leggere...

Patronati: individuati i criteri per lo svolgimento di consulenza del lavoro

Sono stati pubblicati sulle G.U. n.265 del 13 novembre e n.266 del 14 novembre i decreti 16 settembre 2015 del Ministero del Lavoro, con cui sono state stabilite le modalità generali di stipula, senza scopo di lucro, in Italia e all’estero, delle convenzioni per lo svolgimento, da parte degli Istituti di patronato e di assistenza…

Continua a leggere...

La violazione del contratto di agenzia determina recesso per giusta causa

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 29 settembre 2015, n.19300, ha stabilito che nel rapporto di agenzia il preponente ha l’obbligo, ai sensi dell’art.1749 cod.civ., di agire con correttezza e buona fede nei confronti dell’agente, potendo la violazione di detti obblighi contrattuali configurare, in base alla gravità delle circostanze, giusta causa di scioglimento…

Continua a leggere...

Tfr: pubblicato l’indice di rivalutazione di ottobre 2015

Il coefficiente di rivalutazione per la determinazione del trattamento di fine rapporto, accantonato al 31 dicembre 2014, per il mese di ottobre 2015 è pari a 1,390187. L’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati relativo al mese di ottobre è pari a 107,2. Lo ha reso noto l’Istat con comunicato…

Continua a leggere...

Rifinanziato il bando «Disegni+2»

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con comunicato pubblicato sulla G.U. n.263 dell’11 novembre, ha reso noto che è stato rifinanziato il programma di agevolazioni a favore delle micro, piccole e medie imprese italiane, per la valorizzazione dei disegni e modelli («Disegni+2»). Il MISE aveva provveduto, con avviso pubblicato nella G.U. n.9/15, a sospendere lo sportello…

Continua a leggere...

Sanzioni civili per omissione contributiva: prescrizione quinquennale

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 13 ottobre 2015, n.20585, ha deciso che, costituendo l’obbligo relativo alle somme aggiuntive che il datore di lavoro è tenuto a versare in caso di omesso o tardivo pagamento dei contributi una conseguenza automatica dell’inadempimento o del ritardo e, assolvendo tale obbligo, una funzione di rafforzamento dell’obbligazione…

Continua a leggere...