3 Settembre 2018

Conciliazione vita-lavoro negli studi professionali: contributi per telelavoro e smart working

di Redazione Scarica in PDF

Confprofessioni, con notizia del 20 agosto 2018, ha ricordato che gli articoli 59 ss., Ccnl Studi professionali, al fine di promuovere la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, rilanciano il telelavoro quale strumento strategico per realizzare un equilibrio tra le esigenze dei datori di lavoro e quelle dei lavoratori.

Ebipro, sulla base del disposto contrattuale e del relativo allegato al Ccnl, interviene con un contributo a favore dei datori di lavoro che devono sostenere le spese necessarie per permettere ai lavoratori di svolgere l’attività in telelavoro, prevedendo un rimborso massimo di 500 euro per l’acquisto di qualsiasi tipo di strumentazione. Le prestazioni vengono erogate a favore dei datori di lavoro in regola con i versamenti alla bilateralità di settore (Cadiprof/Ebipro) da almeno 6 mesi continuativi al momento dell’acquisto.

Nell’ottica di sostenere strumenti che consentano un moderno approccio al mondo del lavoro, il Comitato esecutivo di Ebipro ha esteso questa misura anche all’attivazione dello smart working.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Come instaurare rapporti di lavoro in smart working