25 Febbraio 2020

Demansionamento: prova presuntiva del danno

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 13 dicembre 2019, n. 32982, ha stabilito che la prova del danno da demansionamento e dequalificazione professionale può essere data dal lavoratore anche ai sensi dell’articolo 2729 cod. civ., attraverso l’allegazione di elementi presuntivi gravi, precisi e concordanti, potendo a tal fine essere valutati la qualità e quantità dell’attività lavorativa svolta, il tipo e la natura della professionalità coinvolta, la durata del demansionamento, la diversa e nuova collocazione lavorativa assunta dopo la prospettata dequalificazione.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

 

Contenzioso e controversie nel diritto del lavoro