5 dicembre 2017

La denuncia penale del datore non integra giusta causa

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 14 novembre 2017, n. 26867, ha deciso che la sola denuncia all’autorità giudiziaria di fatti astrattamente integranti ipotesi di reato non costituisce di per sé condotta disciplinarmente rilevante, tale da giustificare il licenziamento per giusta causa. Ipotesi diversa è quella in cui l’iniziativa del lavoratore sia stata strumentalmente presa nella consapevolezza dell’insussistenza del fatto o dell’assenza di responsabilità del datore. A tale fine la denuncia che si riveli infondata e il procedimento penale definito con l’archiviazione della notizia criminis o con la sentenza di assoluzione non sono circostanze sufficienti a dimostrare il carattere calunnioso della denuncia stessa.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Gestione del contenzioso ispettivo: strumenti di difesa