26 Marzo 2020

D.L. Cura Italia: voucher per i servizi di baby-sitting

di Redazione Scarica in PDF

L’Inps, con circolare n. 44 del 24 marzo 2020, ha offerto chiarimenti in merito ai voucher baby-sitting per figli fino a 12 anni di età, previsti dal D.L. Cura Italia in alternativa al congedo parentale.

Per i lavoratori del settore privato, gli iscritti alla Gestione separata e gli autonomi, i lavoratori impiegati nel settore sanitario pubblico e privato accreditato e il personale addetto alla sicurezza, difesa e soccorso pubblico, attualmente impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, è stabilito il diritto a fruire, per i figli di età non superiore a 12 anni e in alternativa allo specifico congedo di 15 giorni, di un bonus per l’assistenza e la sorveglianza dei minori. Il beneficio spetta, con importi complessivi fino a 600 euro ovvero fino a 1.000 euro a seconda dei casi, sulla base delle modalità operative stabilite dall’Inps, a cui deve essere presentata apposita domanda.

Sulla base delle domande che saranno pervenute in ordine cronologico, l’Istituto attiva il monitoraggio e comunica l’accoglimento dell’istanza fino all’esaurimento dei fondi complessivamente stanziati e destinati alla misura agevolativa.

Con successivo messaggio sarà resa nota la tempistica di rilascio della procedura per l’acquisizione delle domande di bonus da parte dei cittadini e per il tramite degli intermediari abilitati.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Ammortizzatori, congedi e assenze nel decreto Cura Italia: adempimenti e gestione operativa