9 Luglio 2020

Gestione separata giornalisti: contributi minimi e comunicazione reddituale

di Redazione Scarica in PDF

L’Inpgi, con circolare n. 7 del 6 luglio 2020, ha ricordato che i contributi minimi dovuti per l’anno 2020 scadranno il 31 luglio 2020.

Il Comitato Amministratore della Gestione separata, con atto n. 6 del 27 marzo 2020, ha deliberato, per coloro che nel 2019 abbiano percepito un reddito esclusivamente da lavoro autonomo non superiore a 30.000 euro:

  • la facoltà di differimento del termine di versamento dei contributi soggettivi e integrativi minimi 2020 dal 31 luglio 2020 al 31 ottobre 2021 in un’unica soluzione ovvero, a richiesta, fino a un massimo di 6 rate mensili, senza applicazione di sanzioni e/o interessi;
  • la facoltà di dilazione del pagamento dei contributi “a saldo”, dovuti per l’anno 2019, per i quali – fermo restando la scadenza del 31 ottobre 2020 – il versamento può avvenire in un’unica soluzione ovvero, a richiesta, fino a un massimo di 12 rate mensili, senza aggravio di sanzioni ed interessi.

L’Istituto precisa che la richiesta di rateazione fino a 12 mesi del contributo “a saldo” per il 2019 e quella fino a 6 mesi del contributo 2020 dovrà essere indicata nella comunicazione reddituale riferita a tali annualità.

Infine, la circolare precisa che a decorrere dall’anno 2020 (redditi 2019) la comunicazione reddituale alla Gestione separata dovrà essere effettuata entro il 30 settembre e non più entro il 31 luglio.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Gestire la sicurezza del lavoro dopo l’emergenza Covid-19