23 Ottobre 2019

Giusta causa non vincolata alle previsioni del contratto collettivo

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 22 agosto 2019, n. 21616, ha stabilito che la giusta causa di licenziamento è nozione legale e il giudice non è vincolato dalle previsioni del contratto collettivo; ne deriva che il giudice può ritenere la sussistenza della giusta causa per un grave inadempimento o per un grave comportamento del lavoratore contrario alle norme della comune etica o del comune vivere civile, ove tale grave inadempimento o tale grave comportamento, secondo un apprezzamento di fatto non sindacabile in sede di legittimità, se congruamente motivato, abbia fatto venire meno il rapporto fiduciario tra datore di lavoro e lavoratore; per altro verso, il giudice può escludere, altresì, che il comportamento del lavoratore costituisca di fatto una giusta causa, pur essendo qualificato tale dal contratto collettivo, in considerazione delle circostanze concrete che lo hanno caratterizzato.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Diritto sindacale