17 Giugno 2021

Personale addetto a pubblici servizi di trasporto in concessione: retribuzione dei “viaggi comandati”

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 29 aprile 2021, n. 11338, ha ritenuto che l’articolo 17, RD.L. 2328/1923, nella parte in cui prevede, per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto in concessione, che si computa come lavoro effettivo “la metà del tempo impiegato per recarsi, senza prestare servizio, con un mezzo gratuito di servizio in viaggi comandati da una località ad un’altra per prendere servizio o fare ritorno a servizio compiuto“, deve interpretarsi intendendo per “viaggio comandato” ogni trasferimento inevitabile per l’organizzazione dei turni derivante da disposizione aziendale, effettuato sia con mezzo gratuito di servizio sia con proprio mezzo di trasporto con onere di spesa a carico del lavoratore. A tal fine, il computo del tempo di viaggio presuppone che non vi sia coincidenza del luogo di inizio con quello di cessazione del lavoro giornaliero e che tale circostanza sia determinata non da una scelta del lavoratore, bensì, in via esclusiva, da una necessità logistica aziendale, restando irrilevante la scelta del mezzo usato per lo spostamento. Concorrendo tali condizioni, il lavoratore può ottenere il riconoscimento del diritto previsto dalla suddetta norma, il cui fondamento è insito nell’esigenza di compensare il tempo necessario al menzionato spostamento indotto dall’organizzazione del lavoro riconducibile all’azienda.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Licenziamento per GMO nella sfera del lavoratore e conseguenze dell’illegittimità del licenziamento