13 Settembre 2021

Pubblico impiego: sospensione cautelare per procedimento penale e procedimento discplinare

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 5 luglio 2021, n. 18944, in tema di pubblico impiego contrattualizzato, ha deciso che, qualora sia stata disposta la sospensione cautelare dal servizio a seguito di procedimento penale, l’interesse all’esercizio dell’azione disciplinare da parte della P.A. permane anche nell’ipotesi di sopravvenuto collocamento in quiescenza del dipendente, e ciò non solo per dare certezza agli assetti economici tra le parti, ma anche per finalità che trascendono il rapporto di lavoro già cessato, poiché il datore pubblico è pur sempre tenuto a intervenire a salvaguardia di interessi collettivi di rilevanza costituzionale nei casi in cui vi sia un rischio concreto di lesione della propria immagine: ne consegue che il datore di lavoro ha l’onere di attivare o riprendere l’iniziativa disciplinare al fine di valutare autonomamente l’incidenza dei fatti già sottoposti al giudizio penale e definire il destino della sospensione cautelare, legittimando, in difetto, la pretesa del lavoratore a recuperare le differenze stipendiali fra l’assegno alimentare percepito e la retribuzione piena che sarebbe spettata in assenza della misura cautelare.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Diritto del lavoro