21 Novembre 2018

Retribuzione percepita: non esiste presunzione assoluta di corrispondenza con busta paga

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 2 novembre 2018, n. 28019, ha stabilito che, in tema di lavoro subordinato, non esiste una presunzione assoluta di corrispondenza della retribuzione percepita dal lavoratore rispetto a quella risultante dalle buste paga. È, infatti, sempre possibile l’accertamento dell’insussistenza del carattere di quietanza delle sottoscrizioni eventualmente apposte dal lavoratore alle buste paga.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Strumenti deflattivi nel contenzioso: rinunce e transazioni