8 Ottobre 2021

Il rifiuto a riprendere servizio in assenza di visita medica preventiva è assenza ingiustificata

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 12 agosto 2021, n. 22819, ha stabilito che l’articolo 41, comma 2, lettera e-ter), D.Lgs. 81/2008, come modificato dal D.Lgs. 106/2009, si limita a prevedere che la sorveglianza sanitaria sia effettuata dal medico competente (di cui all’articolo 38), anche mediante visita sanitaria precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute protrattasi per più di 60 giorni continuativi, visita finalizzata a verificare l’idoneità alle mansioni, e che si tratta di controllo che la legge non configura come condicio iuris della ripresa dell’attività lavorativa e che, per di più, va attivato a iniziativa datoriale e non del lavoratore.

Nel caso di specie, la Suprema Corte ha confermato la decisione dei giudici di merito, i quali avevano ritenuto legittimo il licenziamento irrogato alla lavoratrice per assenza ingiustificata, stante il rifiuto di quest’ultima di ripresentarsi sul luogo di lavoro in mancanza di una visita medica preventiva.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Diritto del lavoro