29 Settembre 2021

Ripetizione di somme corrisposte al lordo: giurisdizione del giudice del lavoro

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 3 agosto 2021, n. 22151, ha stabilito che la domanda proposta dal datore di lavoro contro il lavoratore, di ripetizione di somme erogate a quest’ultimo al lordo della ritenuta alla fonte, appartiene alla giurisdizione del giudice del lavoro – non già al giudice tributario – in quanto l’oggetto del giudizio non consiste nell’accertare se siano o meno dovuti determinati oneri fiscali, bensì se sussista o meno il diritto di ripetere le somme erroneamente corrisposte al lavoratore in eccesso per titoli comunque aventi origine nel rapporto di lavoro subordinato e, pertanto, assume connotazione esclusivamente lavoristica.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Il giurista del lavoro