7 dicembre 2017

Riqualificazione del rapporto: necessarie etero-organizzazione e controllo

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 13 novembre 2017, n. 26758, ha stabilito che non sussiste rapporto di lavoro subordinato se dalle risultanze istruttorie emerge che non vi era l’assoggettamento del lavoratore al potere organizzativo, gerarchico e disciplinare, se non nel senso che tale potere si estrinsecava nell’emanazione di direttive e non di specifici ordini, e che, parimenti, non vi era un’assidua attività di vigilanza e di controllo nell’esecuzione dell’attività lavorativa. Infine, l’accertata parziale contemporaneità di rapporti subordinati con due diversi datori di lavoro è da ritenersi praticamente incompatibile con l’inserimento stabile nell’organizzazione aziendale.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Come redigere accordi di collaborazione di natura autonoma e appalto