13 luglio 2017

Riqualificazione rapporto previo accertamento del vincolo di subordinazione

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 8 giugno 2017, n. 14296, ha stabilito che, per la riqualificazione di un rapporto di lavoro da autonomo a subordinato, il nomen iuris può rilevare solo in concorso con altri validi elementi differenziali o in caso di non concludenza degli altri elementi di valutazione. Occorre, invece, accertare se ricorre il requisito tipico della subordinazione, ovverosia se la prestazione dell’attività lavorativa è avvenuta alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore e se il lavoratore era inserito nell’organizzazione dell’impresa. Per gli altri caratteri dell’attività lavorativa, come la continuità, la rispondenza dei suoi contenuti ai fini propri dell’impresa e le modalità di erogazione della retribuzione, non assumono rilievo determinante, essendo compatibili anche con il rapporto di lavoro autonomo.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Contenzioso con il lavoratore: procedure disciplinari, rinunce e transazioni