19 Maggio 2017

Risarcimento del danno: onere probatorio

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 26 aprile 2017, n. 10319, in tema di risarcimento integrale del danno a seguito di infortunio sul lavoro, ha stabilito che è onere del lavoratore provare il fatto integrante l’inadempimento e il nesso di causalità materiale tra questo e il danno subito. In punto di prova della colpa del datore opera la presunzione ex articolo 1218 cod. civ.: è onere del datore di lavoro provare l’avvenuta adozione di tutte le necessarie cautele ad evitare il danno, in relazione alla specificità del caso, potendo risultare non sufficiente la mera osservazione delle misure di protezione individuale nel rispetto della normativa di legge.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

 

Predisposizione delle adeguate misure di sicurezza in ambito privacy – CSF