24 Marzo 2020

Il socio non è lavoratore subordinato se manca il controllo gerarchico

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 22 gennaio 2020, n. 1396, ha stabilito che il socio che dirige una farmacia non è lavoratore subordinato se manca il controllo gerarchico. Con riguardo alle società di persone è configurabile un rapporto di lavoro subordinato tra la società e uno dei soci sempreché la prestazione del socio non integri un conferimento previsto dal contratto sociale e l’attività lavorativa sia prestata sotto il controllo di un altro socio munito di poteri di supremazia.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Ricorso a collaborazioni occasionali, coordinate o etero-organizzate alla luce dei nuovi orientamenti giurisprudenziali