13 luglio 2017

Sospensione dell’attività imprenditoriale: ulteriori chiarimenti dall’INL

di Redazione Scarica in PDF

L’INL, con nota dell’11 luglio 2017, è intervenuto nuovamente in tema di sospensione dell’attività imprenditoriale, per chiarire che le Faq allegate alla nota n. 5546/2017 costituiscono un’indicazione vincolante per il personale ispettivo.

In particolare, la Faq n. 1 ha stabilito che il personale rinvenuto in nero al momento dell’accesso ispettivo non può dirsi effettivamente regolarizzato in assenza di tutti gli adempimenti previsti, che non si esauriscono con la sola comunicazione di assunzione, ma richiedono anche la consegna della lettera di assunzione e, laddove prevista, la visita di idoneità alla mansione e l’attività formativa/informativa.

L’INL ritiene quindi che il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale vada comunque adottato, anche qualora, nel corso dell’accesso, sia effettuata una comunicazione di assunzione; ciò anche in ragione della necessità di garantire le finalità “sanzionatorie” del provvedimento in questione evidenziate dalla giurisprudenza, che non possono essere subordinate alla durata più o meno lunga dell’accesso ispettivo, tale da consentire, medio tempore, l’effettuazione di una comunicazione al Centro per l’impiego.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Soluzioni per la riduzione del costo del lavoro mediante il welfare aziendale