30 Giugno 2017

La violazione di obblighi di protezione per patologia configura danno biologico

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 13 giugno 2017, n. 14665, ha stabilito che il datore è tenuto al risarcimento del danno biologico temporaneo per violazione degli obblighi di protezione se non esonera il dipendente dalle mansioni incompatibili con il suo stato di salute. Anche se la patologia è di tipo congenito, i fattori atmosferici sfavorevoli legati alla professione possono svolgere un ruolo nelle complicazioni dello stato di salute.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Dimissioni, risoluzioni consensuali, rinunce e transazioni