13 Marzo 2019

Legge di Bilancio 2019: effetti sui trattamenti pensionistici

di Redazione Scarica in PDF

L’Inps, con circolare n. 34 del 27 febbraio 2019, ha offerto chiarimenti relativi alla disposizione di cui all’articolo 1, comma 279, L. 145/2018, che ha integrato l’articolo 1, comma 275, L. 208/2015, estendendone l’ambito soggettivo di applicazione e comprendendo tra i lavoratori che, in seguito alla cessazione del rapporto di lavoro siano transitati verso forme pensionistiche obbligatorie dei lavoratori dipendenti, gestite, prima del 1° gennaio 2012, da enti diversi dall’Inps, anche i lavoratori che alla data di presentazione della domanda di pensione, per effetto della ricongiunzione contributiva, non possano far valere contribuzione nell’Ago per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Pensioni e consulenza previdenziale