BLOG

Primi arruffati interventi della contrattazione collettiva sul tempo determinato

Durante lo scorso mese di dicembre, diversi rinnovi di Ccnl hanno regolamentato il contratto a termine e la somministrazione, sia per dettagliare i tanti passaggi tenebrosi della regolamentazione di tali contratti a seguito dell’infelice Decreto Dignità, sia per attutire, ove possibile, gli effetti nefasti di tale provvedimento. È opportuno ribadire a caratteri cubitali che al…

Continua a leggere...

Somministrare o non somministrare? Al contratto collettivo l’ardua risposta!! 

Dalla venuta del c.d. Decreto Dignità (e annessa legge di conversione, con le ineluttabili modificazioni del caso, peraltro in parte del tutto disomogenee rispetto al decreto originario), il nostro Paese si è arricchito di un ulteriore mestiere impopolare e malvisto, oltre che scarsamente favorito. In effetti, l’intervento operato con il D.L. 87/2018 da parte dell’attuale…

Continua a leggere...

I soci e la contribuzione Inps

Chi riveste la qualifica di socio di società che svolge attività commerciale o del terziario, poco importa se di persone o di capitale, si è dovuto necessariamente scontrare con la questione dell’obbligo contributivo verso la Gestione commercianti Inps. Un’esperienza non sempre gradevole. Tale situazione generale si propone, infatti, come un vero tormentone che, diversamente da…

Continua a leggere...

Legge di Bilancio 2019: si apre il cantiere

Non sono molte le novità della Legge di Bilancio 2019, L. 30 dicembre 2018, n. 145, arrivata all’ultimo, che interessano direttamente l’amministrazione del personale e la gestione dei rapporti di lavoro, e in molti casi richiedono per l’attuazione un’ulteriore regolamentazione, dal D.L. per reddito di cittadinanza e quota 100, ai decreti ministeriali attuativi, alla circolare…

Continua a leggere...

Prestazioni di lavoro straordinario anche nel lavoro intermittente

Il contratto di lavoro intermittente, pur caratterizzandosi per una forte dose di flessibilità, in quanto la prestazione è legata soltanto alle effettive chiamate del datore di lavoro, rimane una tipologia di lavoro subordinato e, pertanto, rimane soggetta alle disposizioni generali che discendono da tale qualificazione non espressamente derogate. Tuttavia, l’applicazione e l’interpretazione della normativa del…

Continua a leggere...

Effetti della legislazione tramite prassi

Il 31 ottobre 2018 stavamo tirando un sospiro di sollievo, strozzato tutto d’un tratto. La circolare che pareva più volte essere nell’aria si è materializzata. Il sospiro sarebbe stato meritatissimo, dopo un difficile periodo transitorio, lo meritavamo davvero. La punizione, però, è arrivata proprio l’ultimo giorno. I dubbi applicativi più seri riguardavano il periodo transitorio,…

Continua a leggere...

Le novità per il contratto a termine sostitutivo

Quando si parla di contratto a termine, la parola novità acquista il diverso significato di abuso; sembra, infatti, che il Legislatore provi un gusto particolare nel voler mutare, ad ogni cambio di stagione, le regole del tipo contrattuale. Il famigerato Decreto Dignità non è stato da meno, anzi; per non rimanere indietro ha operato un…

Continua a leggere...

Novità per gli Anf

Il 3 dicembre scorso il Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro ha diffuso il report informativo sui risultati del tavolo tecnico presso la Direzione centrale Inps dell’8 novembre 2018. Dalla lettura di tale informativa emerge, tra l’altro, l’anticipazione, da parte dell’Istituto di previdenza, di novità in tema di richiesta dell’assegno al nucleo familiare. Pare…

Continua a leggere...

Inabilità sopravvenuta del lavoratore: quali procedure può adottare il datore di lavoro?

La constatazione dello stato di salute del lavoratore nell’ambito del rapporto di lavoro costituisce sempre un accertamento estremamente sensibile; si tratta, infatti, di un territorio estremamente delicato e scivoloso, in quanto crocevia di interessi e tutele identici e contrapposti allo stesso tempo. Da un lato, infatti, merita tutela la sfera personale del lavoratore. Ma risulta…

Continua a leggere...

La Cassazione consolida il proprio orientamento sulla contribuzione dei lavoratori all’estero

Relativamente ai redditi prodotti all’estero, era sorto un orientamento, confermato dalle prime Corti di merito, secondo il quale, in virtù del principio di armonizzazione delle basi imponibili, anche ove la prestazione del lavoratore fosse stata eseguita in Paesi con i quali esisteva una convenzione internazionale a livello previdenziale, l’assoggettamento a prelievo contributivo dovesse essere fatto…

Continua a leggere...