BLOG

Che la trasparenza sia con Voi!! Cronache surreali dall’era della ridondanza normativa

Oramai, le vicende pseudo professionali che i consulenti del lavoro (e, in verità, non solo e, dunque, mal comune mezzo gaudio!!) affrontano giorno per giorno, appaiono sempre più inesplicabili, sinistramente ineluttabili e, in tutta onestà, difficilmente rappresentabili in maniera comprensibile ai propri clienti. Fra l’altro, in particolare dall’avvento della tregenda pandemica, anche il senso temporale…

Continua a leggere...

Il Ministero prova a spiegare i nuovi obblighi di informazione previsti dal Decreto Trasparenza

Dopo il primo intervento interpretativo relativo al D.Lgs. 104/2022 a opera dell’INL, con la circolare n. 4/2022, ora giunge a conoscenza degli ormai disorientati datori di lavoro e committenti l’intervento da parte del Ministero del lavoro, la circolare n. 19 del 20 settembre 2022, con la quale si prendono in considerazione nuovi dettagli di particolare…

Continua a leggere...

Rapporto biennale pari opportunità entro il 30 settembre 2022

A seguito delle modifiche introdotte all’articolo 46, Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (D.Lgs. 198/2006), dalla L. 162/2021, e tenuto del D.I. attuativo 29 marzo 2022, le aziende con più di 50 dipendenti devono redigere il rapporto per il solo biennio 2020-2021 entro il 30 settembre 2022 (per tutti i successivi bienni è…

Continua a leggere...

Nullum crimen sine poena, nulla poena sine lege. Forse.

Il brocardo che ha ispirato questo titolo sembra tautologico nell’affermare un principio scontato di derivazione costituzionale (articolo 25, comma 2, Costituzione), ma ancor più di buon senso. Come posso sanzionare una condotta che di fatto non è definita o per la quale non è prevista alcuna sanzione specifica? Per rispondere a questa domanda dobbiamo considerare…

Continua a leggere...

“Il peggio che ci possa capitare è assaggiare la carne dell’orso”

Il titolo prende a prestito un’espressione utilizzata in un racconto di Primo Levi (“Ferro”, in “Il sistema periodico”, Einaudi, 1975) pronunciata da uno dei protagonisti (Sandro), che, dopo essersi perso con il suo compagno di scalata nel corso di una rocambolesca ascesa invernale, raggiunta finalmente la vetta della montagna, inizia la discesa. Proprio mentre ci…

Continua a leggere...

Smart working: la disciplina dal 1° settembre e la proroga della comunicazione

Il rientro al regime ordinario in materia di smart working (o lavoro agile), chiusa la fase emergenziale legata alla pandemia Covid-19, che aveva visto tale modalità di lavoro come soluzione alle problematiche di distanziamento sociale, tanto che si era proceduto a semplificarne normativamente l’introduzione, si compone di un aspetto centrale, la necessità dell’accordo individuale, a…

Continua a leggere...

La Corte Costituzionale torna sul tema licenziamenti

Sembra che i Giudici delle leggi, ultimamente, si interessino molto alle tutele in tema di licenziamento. Dopo aver inferto alcune picconate a destra e a manca, ossia al sistema delle tutele crescenti (D.Lgs. 23/2015), ma anche all’articolo 18, St. Lav., nella versione post Riforma Fornero-Monti, con la recente sentenza n. 183/2022, hanno valutato, stavolta, le…

Continua a leggere...

Decreto condizioni trasparenti e l’imprevedibile prevedibilità

Con la pubblicazione nella G.U. n. 176 del 29 luglio 2022 entra in vigore, dal 13 agosto 2022, il D.Lgs. 104 del 27 giugno 2022, in attuazione della Direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019 della relativa Legge di delegazione europea 53/2021, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e…

Continua a leggere...

Premi di risultato e comportamenti discriminatori

Nella definizione dei premi di risultato, in particolare attraverso la contrattazione collettiva al fine di beneficiare dell’ormai nota detassazione (al 10% fino a 3.000 euro), è frequente introdurre parametri che modulino il premio in base all’affettiva presenza del lavoratore, tenendo così in considerazione, da un punto di vista quantitativo, l’effettiva partecipazione dei singoli lavoratori alla…

Continua a leggere...

Il caporalato a tutto campo, ma senza caporale

Stando al dizionario Treccani, per caporalato si intende: “Forma illegale di reclutamento e organizzazione della mano d’opera, spec. agricola, attraverso intermediari (caporali) che assumono, per conto dell’imprenditore e percependo una tangente, operai giornalieri, al di fuori dei normali canali di collocamento e senza rispettare le tariffe contrattuali sui minimi salariali …”. La deprecabile condotta dei…

Continua a leggere...