BLOG

Le Faq del Governo ispirate da Leone Magno

L’assegnazione di una sede e l’indicazione del luogo di svolgimento della prestazione rappresentano un momento determinante per l’individuazione del centro degli interessi professionali del dipendente. La sede viene stabilita dal datore di lavoro, nel rispetto delle fonti applicabili al rapporto, risultando utile proprio a determinare il grado di flessibilità nel disporre della risorsa, anche con…

Continua a leggere...

Il patto di prova negli ultimi orientamenti giurisprudenziali

Al fine di poter rendere definitivo il vincolo contrattuale solo dopo una reciproca valutazione esperienziale, l’ordinamento giuslavoristico consente alle parti di apporre ai contratti di lavoro subordinati, a termine e a tempo indeterminato, una clausola di prova, disciplinata dall’articolo 2096, cod. civ., dove l’interesse, in realtà, prevalente è la sperimentazione e la valutazione, da parte…

Continua a leggere...

La trasformazione nel contratto part-time

Quando si parla di trasformazione, in un contratto di lavoro a tempo parziale, si intende normalmente un mutamento dell’orario con passaggio al tempo pieno; ciò vale, naturalmente, anche per il caso inverso, ossia di passaggio dal tempo pieno al part-time. Il mutamento dell’orario in un contratto che resta a tempo parziale, ad esempio orario di…

Continua a leggere...

È arrivato il super green pass

Con il D.L. 21 settembre 2021, n. 127, il Governo ha ampliato enormemente l’ambito di applicazione del c.d. green pass, la certificazione europea che attesta l’avvenuta vaccinazione, la recente guarigione o l’effettuazione di un tampone negativo nelle ore precedenti ai fini dell’accesso a determinate attività o servizi. Le attività coinvolte anche prima dell’ultimo intervento legislativo…

Continua a leggere...

Libertà calmierata

Scommetto con me stesso e con voi lettori che in questo editoriale riuscirò a non citare il green pass. Solo in questi giorni, dopo ostico esercizio di masticazione, deglutisco la nota INL n. 5331/2021 del 21 luglio scorso, ennesimo processo di “libera” applicazione contrattualcollettiva. L’INL si fa parte attiva del sistema di misurazione della rappresentatività proposto da…

Continua a leggere...

Il welfare aziendale dopo l’emergenza COVID-19

In contemporanea con la gestione degli aspetti più immediati dell’emergenza COVID-19 sui rapporti di lavoro, legati in particolare alla sospensione dei rapporti di lavoro per esigenze ricadenti nella sfera aziendale – riduzione o sospensione delle attività – o dei lavoratori – congedi parentali, malattia e quarantena – le aziende si sono rivolte in prima battuta…

Continua a leggere...

I mille dubbi del green pass in azienda

Con il D.P.C.M. 17 giugno 2021, il Governo – sulla scia della normativa europea sul certificato COVID – ha introdotto, per usufruire di alcuni servizi e accedere ad alcune attività, il c.d. green pass, ovvero un QR code personale, attivabile tramite Spid, che certifica il possesso della copertura vaccinale (anche una sola dose), l’avvenuta guarigione…

Continua a leggere...

La contrattazione di prossimità a dieci anni dall’emanazione

Sono ormai passati 10 anni dall’emanazione del D.L. 138/2011, convertito dalla L. 148/2011, e in particolare dell’articolo 8 di tale disposizione, con la quale fu introdotta nel nostro ordinamento la contrattazione di prossimità, con profonde discussioni a livello politico e sindacale. Il carattere innovativo del nuovo istituto si sviluppava su punti nevralgici della contrattazione collettiva,…

Continua a leggere...

Rifinanziamo

Con il messaggio n. 2842/2021 l’Inps ha diramato importanti indicazioni in riferimento alle tutele previdenziali previste in caso di malattia conclamata da COVID-19, quarantena e per i lavoratori fragili, in particolare evidenziando, per quest’ultime due, i periodi temporali di vigenza. Com’è noto, le disposizioni in commento fanno parte delle misure emergenziali messe in campo per…

Continua a leggere...

Riconoscimento e revoca dei fringe benefit: il caso dell’auto a uso promiscuo

Il trattamento economico del lavoratore, oltre che dalla retribuzione in moneta, minimi, superminimi e indennità varie, può comporsi anche di forme retributive in natura, che vanno a comporre un vantaggio accessorio (c.d. fringe benefit). I fringe benefit possono assumere le più svariate forme, non esiste sostanzialmente una predeterminazione legale, ma devono determinare un’utilità economica in…

Continua a leggere...