BLOG

Consulenti curatori, chissà se è vera conquista

Apprendiamo dalle relazioni tenute agli Stati generali dei consulenti del lavoro, la realizzazione definitiva della riforma sulla crisi d’impresa. Il D.Lgs. contenente il nuovo testo concluderà un iter estremamente travagliato, avviato per regolare un tema che, ad oggi, risulta profondamente mutato rispetto al momento in cui si è cominciato a scriverlo; ma, tant’è, le evoluzioni…

Continua a leggere...

Il verbale ispettivo: uno o trino? 

Diciamocela tutta, forse è la fine di un’illusione alla quale, tuttavia, non avevamo creduto più di tanto, poiché, al di là del dettato normativo, vi era la (triste) realtà quotidiana a operare un pronto richiamo all’oggettivo stato dell’arte. In effetti, sin dall’avvento del D.Lgs. 124/2004 (il c.d. Testo unico della materia ispettiva nell’ambito dei rapporti…

Continua a leggere...

Detassazione ultimo atto

La tassazione agevolata dei c.d. premi di risultato ha aperto gli occhi nell’anno domini 2008; da quel momento, tuttavia, ha vissuto una vita assai travagliata, costellata di proroghe (che mai possono mancare) e di un breve stop. Finalmente col 2016 il creatore, leggasi il Legislatore italiano, ha optato per dare una vita definitiva alla propria…

Continua a leggere...

La maggiorazione delle sanzioni per l’Ispettorato

La circolare n. 2/2019 dell’INL, fornisce chiarimenti in ordine alle nuove disposizioni, contenute nell’articolo 1, comma 445, L. 145/2018 (Legge di Bilancio 2019). La norma prevede la maggiorazione pari al 20% delle sanzioni previste da: – articolo 3, D.L. 12/2002 (maxisanzione per lavoro nero); – articolo 18, D.Lgs. 276/2003 (condotte interpositorie); – articolo 12, D.Lgs. 136/2016…

Continua a leggere...

Le politiche per le famiglie nella Legge di Bilancio 2019

La Legge di Bilancio 2019, L. 145/2018, prevede anche politiche familiari volte a valorizzare sistemi di welfare state. In particolare, l’intervento del Legislatore è volto ad ampliare tutele già esistenti, senza tuttavia incidere con novità di particolare rilevanza: di seguito si elencano le principali modifiche normative. L’articolo 1, comma 278, L. 145/2018, prevede per l’anno…

Continua a leggere...

Primi arruffati interventi della contrattazione collettiva sul tempo determinato

Durante lo scorso mese di dicembre, diversi rinnovi di Ccnl hanno regolamentato il contratto a termine e la somministrazione, sia per dettagliare i tanti passaggi tenebrosi della regolamentazione di tali contratti a seguito dell’infelice Decreto Dignità, sia per attutire, ove possibile, gli effetti nefasti di tale provvedimento. È opportuno ribadire a caratteri cubitali che al…

Continua a leggere...

Somministrare o non somministrare? Al contratto collettivo l’ardua risposta!! 

Dalla venuta del c.d. Decreto Dignità (e annessa legge di conversione, con le ineluttabili modificazioni del caso, peraltro in parte del tutto disomogenee rispetto al decreto originario), il nostro Paese si è arricchito di un ulteriore mestiere impopolare e malvisto, oltre che scarsamente favorito. In effetti, l’intervento operato con il D.L. 87/2018 da parte dell’attuale…

Continua a leggere...

I soci e la contribuzione Inps

Chi riveste la qualifica di socio di società che svolge attività commerciale o del terziario, poco importa se di persone o di capitale, si è dovuto necessariamente scontrare con la questione dell’obbligo contributivo verso la Gestione commercianti Inps. Un’esperienza non sempre gradevole. Tale situazione generale si propone, infatti, come un vero tormentone che, diversamente da…

Continua a leggere...

Legge di Bilancio 2019: si apre il cantiere

Non sono molte le novità della Legge di Bilancio 2019, L. 30 dicembre 2018, n. 145, arrivata all’ultimo, che interessano direttamente l’amministrazione del personale e la gestione dei rapporti di lavoro, e in molti casi richiedono per l’attuazione un’ulteriore regolamentazione, dal D.L. per reddito di cittadinanza e quota 100, ai decreti ministeriali attuativi, alla circolare…

Continua a leggere...

Prestazioni di lavoro straordinario anche nel lavoro intermittente

Il contratto di lavoro intermittente, pur caratterizzandosi per una forte dose di flessibilità, in quanto la prestazione è legata soltanto alle effettive chiamate del datore di lavoro, rimane una tipologia di lavoro subordinato e, pertanto, rimane soggetta alle disposizioni generali che discendono da tale qualificazione non espressamente derogate. Tuttavia, l’applicazione e l’interpretazione della normativa del…

Continua a leggere...