BLOG

Il principio di proporzionalità delle sanzioni alla Corte di Giustizia

Con sentenza dello scorso 8 marzo 2022 (causa C-205/20), la Corte di Giustizia è intervenuta in merito al principio di proporzionalità delle sanzioni pecuniarie previste dai diritti degli Stati membri nel caso di violazione di disposizioni giuslavoristiche, disciplinato dall’articolo 20, Direttiva 2014/67/UE. Nel caso di specie, infatti, il diritto austriaco prevedeva una sanzione particolarmente afflittiva…

Continua a leggere...

Codatorialità o distacco nei contratti di rete

L’introduzione di nuovi obblighi di comunicazione, in caso di distacco e codatorialità all’interno del contratto di rete – istituto che consente di poter beneficiare di una particolare regolamentazione dei rapporti di lavoro, che consenta di parcellizzare su più soggetti i poteri direttivi e organizzativi nei confronti di un unico lavoratore – ha riaperto il dibattitto…

Continua a leggere...

Il lavoro dipendente dell’amministratore

Molto di voi, compreso il sottoscritto, avranno avuto modo di trovarsi di fronte a quello che, data la copiosa giurisprudenza prodotta, appare come il dilemma del secolo: può un amministratore di società essere anche lavoratore subordinato dello stesso ente? Non voglio affermare che la risposta sia semplice, ma intendo semplicemente fare un breve ragionamento sui…

Continua a leggere...

Protagonisti sempre

Con la fine del mese di marzo i consulenti del lavoro saluteranno definitivamente il periodo emergenziale, coscienti di averlo affrontato, in parte loro malgrado, da veri protagonisti. Vessati da uno stillicidio di norme e prassi, i consulenti si sono prodigati con profitto nel tenere indenne il cliente da tutte le complicazioni operative connesse all’emergenza. Giunti…

Continua a leggere...

Parte obbligatoria nella contrattazione collettiva

La contrattazione collettiva, pur rivestendo un ruolo fondamentale nella regolamentazione dei rapporti di lavoro, si fonda su un corpo normativo il cui caposaldo, l’articolo 39, Costituzione, è rimasto inattuato. La norma costituzionale, si ricorda, prevedeva la registrazione dei sindacati (inattuata), da cui sarebbe derivata l’“efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il…

Continua a leggere...

La negoziazione assistita nelle cause di lavoro: una non opportunità

Con la legge delega 206/2021 per la riforma della giustizia civile, fra le altre cose, si introduce la negoziazione assistita per le cause di lavoro con l’assistenza da parte del rispettivo avvocato e, ove si ritenga utile, anche dei rispettivi consulenti del lavoro. Si tratta, quindi, almeno negli intenti, di un nuovo strumento di deflazione…

Continua a leggere...

La proroga del periodo di apprendistato parte seconda

Oltre alla previsione della proroga del contratto di apprendistato in caso di ricorso ad ammortizzatori sociali, vi è un’altra specifica disposizione esterna al D.Lgs. 81/2015, questa volta legata alla maternità, che, pertanto, esclude tali fattispecie dalla regola generale (articolo 42, comma 5, lettera g), D.Lgs. 81/2015), che prevede la “possibilità” di prolungare il periodo di…

Continua a leggere...

Il contratto a termine post pandemia

Con la speranza di poter dare per superata la lunga parentesi pandemica, cosa tutta da verificare, è necessario adesso tornare a ragionare al netto di quelle disposizioni emergenziali che hanno, in diversi campi, contraddistinto gli ultimi 2 anni. Tra il 2020 e il 2021, avendo sullo sfondo lo spettro di una possibile crescita della disoccupazione,…

Continua a leggere...

Il recesso al termine del periodo di apprendistato e le sospensioni per cassa

Il recesso al termine del periodo di apprendistato gode di una disciplina specifica, che rinvia all’articolo 2118, cod. civ.: oltre all’evidente necessità dell’atto scritto, non vi sono obblighi di motivare il recesso se non sulla base del termine del periodo formativo; inoltre, il periodo di preavviso decorre (in avanti) a partire da tale evento, prolungando…

Continua a leggere...

Il caso DHL fra abuso di dipendenza economica e manleve nei contratti di trasporto

Una sentenza rimasta in sordina quella del Tribunale delle imprese di Milano del 21 luglio 2020, ma che può avere degli incredibili riflessi su tutta la filiera della logistica. Protagonista la famosa società di servizi di trasporto DHL, la quale ha citato in giudizio una propria appaltatrice, anzi un proprio vettore, per farne accertare la…

Continua a leggere...