31 luglio 2018

Indennizzo per contratti a termine illegittimi ridotto a 4 mensilità dal Collegato Lavoro

di Redazione Scarica in PDF

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 25 luglio 2018, n. 19735, ha chiarito che, quali che siano i rimedi esperibili dal lavoratore contribuente nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, è evidente che il datore solvens non può ripetere dal lavoratore accipiens più di quanto quest’ultimo abbia effettivamente percepito, e cioè quanto versato, sia pure in esecuzione di sentenza provvisoriamente esecutiva, suscettibile di riforma o cassazione nell’ambito degli ordinari mezzi di impugnazione previsti dall’ordinamento, a un terzo (ente fiscale): il lavoratore deve restituire al netto delle ritenute fiscali la somma incassata in base alla sentenza provvisoriamente esecutiva riformata per l’entrata in vigore dell’articolo 32, comma 5, L. 183/2010, che ha determinato la riduzione del risarcimento nella misura di sole 4 mensilità.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Gestione delle conciliazioni in materia di licenziamento