21 Marzo 2022

Valutazione delle risultanze della prova testimoniale riservata al giudice di merito

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 10 febbraio 2022, n. 4317, ha stabilito che, per costante giurisprudenza di legittimità, la valutazione delle risultanze della prova testimoniale, il giudizio sull’attendibilità dei testi e sulla credibilità di alcuni invece che di altri, come la scelta, tra le varie risultanze probatorie, di quelle ritenute più idonee a sorreggere la motivazione, involgono apprezzamenti di fatto riservati al giudice del merito, il quale, nel porre a fondamento della propria decisione una fonte di prova con esclusione di altre, non incontra altro limite che quello di indicare le ragioni del proprio convincimento, senza essere tenuto a discutere ogni singolo elemento o a confutare tutte le deduzioni difensive, dovendo ritenersi implicitamente disattesi tutti i rilievi e circostanze che, sebbene non menzionati specificamente, sono logicamente incompatibili con la decisione adottata.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Diritto sindacale