25 Novembre 2021

Impugnazione del licenziamento: il compimento dell’età pensionabile non osta alla reintegra

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 21 ottobre 2021, n. 29365, ha stabilito che il compimento dell’età pensionabile o il raggiungimento dei requisiti per il sorgere del diritto a pensione, determinando solo la recedibilità ad nutum dal rapporto e non già la sua automatica estinzione, non ostano, qualora vengano a verificarsi durante la pendenza del giudizio di impugnazione del licenziamento, all’emanazione del provvedimento di reintegra del lavoratore e alla condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno ex articolo 18, St. Lav., nella misura corrispondente alle retribuzioni riferibili al periodo compreso fra la data del recesso e quella della reintegrazione, non giustificandosi per contro, al fine della liquidazione del danno subito dal lavoratore, alcun giudizio prognostico circa il termine nel quale, in relazione al raggiungimento della detta età pensionabile, il rapporto si sarebbe comunque interrotto, anche in assenza dell’illegittimo recesso.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

 

Licenziamenti oggettivi e per ragioni economiche