7 Aprile 2022

Malattia professionale: rientra nel comporto se non è dimostrata la responsabilità del datore di lavoro

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 4 marzo 2022, n. 7247, ha ritenuto che le assenze del lavoratore dovute a infortunio sul lavoro o a malattia professionale, in quanto riconducibili alla generale nozione di infortunio o malattia contenuta nell’articolo 2110, cod. civ., sono normalmente computabili nel previsto periodo di conservazione del posto, mentre, affinché l’assenza per malattia possa essere detratta dal periodo di comporto, non è sufficiente che la stessa abbia un’origine professionale, ossia meramente connessa alla prestazione lavorativa, ma è necessario che, in relazione a essa e alla sua genesi, sussista una responsabilità del datore di lavoro ex articolo 2087, cod. civ.. In tali ipotesi l’impossibilità della prestazione lavorativa è imputabile al comportamento della stessa parte cui detta prestazione è destinata.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Licenziamenti disciplinari e per ragioni soggettive