21 Maggio 2019

Rinunce e transazioni concluse in sede sindacale: validità e limiti

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 1° aprile 2019, n. 9006, in materia di atti abdicativi di diritti del lavoratore subordinato, ha stabilito che le rinunce e le transazioni aventi ad oggetto diritti del prestatore di lavoro previsti da disposizioni inderogabili di legge o di contratti collettivi, contenute in verbali di conciliazione conclusi in sede sindacale, non sono impugnabili, a condizione che l’assistenza prestata dai rappresentanti sindacali – della quale non ha valore equipollente quella fornita da un legale – sia stata effettiva, così da porre il lavoratore in condizione di sapere a quale diritto rinunci e in quale misura, nonché, nel caso di transazione, a condizione che dall’atto stesso si evincano la questione controversa oggetto della lite e le reciproche concessioni in cui si risolve il contratto transattivo ai sensi dell’articolo 1965 cod. civ..

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Il giurista del lavoro