6 Maggio 2021

Calcolo dell’anzianità contributiva di diritto nel part-time verticale e ciclico

di Redazione Scarica in PDF

L’Inps, con circolare n. 74 del 4 maggio 2021, ha fornito indicazioni in ordine alla nuova modalità di calcolo dell’anzianità contributiva di diritto introdotta dall’articolo 1, comma 350, L. 178/2020, con riferimento alla valorizzazione del tempo non lavorato nei rapporti di lavoro subordinato a tempo parziale verticale o ciclico. In particolare, viene chiarito che i periodi non lavorati nei rapporti di lavoro part-time verticale o ciclico sono riconosciuti per intero dall’Inps, anche per le Gestioni private, nel calcolo dei requisiti di anzianità lavorativa per l’accesso al diritto alla pensione.

L’Istituto offre istruzioni operative per l’applicazione della disposizione in argomento e la gestione delle posizioni assicurative interessate, indicando anche le modalità procedurali finalizzate all’implementazione delle posizioni assicurative relative ai periodi di lavoro svolti nell’ambito di rapporti part-time di tipo verticale o ciclico interessati.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Progettare e gestire la previdenza complementare