1 Agosto 2022

Licenziamento collettivo: violazione dei criteri di scelta e onere della prova

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 8 giugno 2022, n. 18521, ha stabilito che, in tema di licenziamento collettivo, mentre grava sul datore di lavoro l’onere di allegazione dei criteri di scelta e la prova della loro piena applicazione nei confronti dei lavoratori licenziati, specificando in relazione a ciascuno lo stato familiare, l’anzianità e le mansioni, incombe sul lavoratore dimostrare l’illegittimità della scelta, indicando i lavoratori in relazione ai quali essa sarebbe stata falsamente o illegittimamente realizzata: con la conseguenza che, ove il datore di lavoro si sia limitato a comunicare criteri inidonei a consentire al lavoratore di contestare le scelte operate e di comparare la propria posizione con quella degli altri dipendenti che hanno conservato il posto di lavoro, nessun onere è ravvisabile in capo al lavoratore.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

 

Il giurista del lavoro