18 Marzo 2021

Morte per malattia professionale: danno biologico terminale e danno morale trasmessi agli eredi

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 22 gennaio 2021, n. 1406, ha stabilito che, nel caso del lavoratore deceduto per cause di servizio, il danno subito dalla vittima, nell’ipotesi in cui la morte sopravvenga dopo apprezzabile lasso di tempo dall’evento lesivo, è configurabile e trasmissibile agli eredi nella duplice componente di danno biologico “terminale”, cioè di danno biologico da invalidità temporanea assoluta, e di danno morale consistente nella sofferenza patita dal danneggiato che lucidamente e coscientemente assiste allo spegnersi della propria vita; la liquidazione equitativa del danno in questione va effettuata commisurando la componente del danno biologico all’indennizzo da invalidità temporanea assoluta e valutando la componente morale del danno non patrimoniale mediante una personalizzazione che tenga conto dell’entità e dell’intensità delle conseguenze derivanti dalla lesione della salute in vista del prevedibile exitus.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

OFFERTA DI PRIMAVERA – 30% di SCONTO su tutte le RIVISTE