8 Febbraio 2019

Somministrazione a termine: causali chiare e riscontrabili

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 8 gennaio 2019, n. 197, ha stabilito che nel contratto di somministrazione debbono essere indicate le ragioni dell’utilizzazione di lavoratori a tempo determinato, che devono essere chiaramente percepibili. È, infatti, possibile effettuare una verifica sulla sussistenza effettiva della causale, dovendo la stessa essere concretamente riscontrabile. Posto ciò, non è sufficiente un’indicazione generica, essendo prevista la nullità del contratto in caso di indicazione della causale di somministrazione omessa o non specifica.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Contratto a termine e somministrazione dopo il Decreto dignità e la circolare del Ministero del lavoro 17/2018: casi pratici e gestione operativa