2 Settembre 2021

Surroga riferita a un danno de futuro: rilevanza della modifica migliorativa delle condizioni del danneggiato

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione III, con sentenza 23 giugno 2021, n. 17966, ha stabilito che, nell’ipotesi in cui il giudice debba valutare il contenuto della surroga riferita a un danno de futuro, deve essere affermata la rilevanza, anche giuridica, dell’eventuale sopravvenienza di una modifica delle condizioni del danneggiato, che evidenzi il venir meno dello stato invalidante o una sua riduzione, tale da incidere sul danno per come liquidato. Tale principio va applicato anche all’assicuratore sociale che abbia riconosciuto l’indennizzo nella forma della rendita e si surroghi ai sensi dell’articolo 14, L. 222/1984. Una volta riconosciuto l’indennizzo, l’istituto potrà esercitare la surroga per la rendita come liquidata, subentrando nel corrispondente diritto del danneggiato al risarcimento del danno anche futuro, con la possibilità di agire nei confronti dell’assicuratore privato ed il responsabile debbono pagare. Nell’ipotesi di successiva modifica migliorativa delle condizioni del danneggiato con conseguente riduzione della menomazione e della misura dell’obbligo di corresponsione dell’indennizzo, ove ciò intervenga nel corso del giudizio, tale evento incide necessariamente sull’oggetto della surroga, atteso che il secondo comma dell’articolo 14 si limita a stabilire l’ammontare della surroga al momento del riconoscimento, per l’ipotesi di stabilità della menomazione del danneggiato, nei termini riconosciuti dall’assicuratore sociale.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Il giurista del lavoro