SPECIALE DELLA SETTIMANA

La stabilizzazione delle collaborazioni

  L’art.54, D.Lgs. n.81/15, prevede una procedura di stabilizzazione, attivabile dallo scorso 1° gennaio 2016, a favore dei datori di lavoro privati che procedano all’assunzione, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, di soggetti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto o soggetti titolari di partita Iva. L’assunzione a tempo indeterminato…

Continua a leggere...

Dai permessi per allattamento al congedo parentale ad ore: ultime novità

  Le politiche di sostegno per la genitorialità, inquadrabili nel più grande contesto che va sotto il nome di welfare, sono state, in questi ultimi anni, oggetto di continua e profonda attenzione da parte del Legislatore. È infatti innegabile che si siano susseguiti una serie di provvedimenti, normativi e non, che puntano a migliorare la…

Continua a leggere...

In vigore le nuove disposizioni sulle collaborazioni coordinate e continuative

  Il 1° gennaio del 2016 registra l’entrata in vigore di importanti disposizioni per le collaborazioni coordinate e continuative e più in generale per il lavoro autonomo, portando così a compimento la riforma introdotta dal D.Lgs. n.81/15. In sintesi ricordiamo, per quanto disposto dall’art.2, D.Lgs. n.81/15, che dal 25 giugno 2015 è stata abrogata la…

Continua a leggere...

Il collocamento mirato dei disabili, tra novità e conferme

  Alla fine di ogni anno i datori di lavoro si ritrovano a dover fare i conti con una norma di grande civiltà giuridica ovvero la L. n.68/99. Come è noto, la norma si prefigge l’obiettivo di promuovere l’inserimento e l’integrazione nel mondo del lavoro di persone disabili tramite il ricorso a servizi di sostegno…

Continua a leggere...

Potere di variazione unilaterale delle mansioni e il nuovo art.2103

  La riforma dell’art.2103 cod.civ. da parte del D.Lgs. n.81/15 ha introdotto nuovi principi nella regolamentazione delle mansioni, che consentono in via generale una variabilità molto più estesa, con una disciplina specifica anche nel caso di adibizione a mansioni inferiori. La novità richiede tuttavia un riscontro dal punto di vista operativo, verificando come l’impianto normativo…

Continua a leggere...

Esonero contributivo Legge di Stabilità 2015 e comportamenti fraudolenti

  L’esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2015 (L. n.190/14), insieme con una serie di requisiti formali, deve sottostare a una logica complessiva volta alla promozione di nuova occupazione. L’indubbia attrattiva esercitata dal cospicuo vantaggio in termini di costo del lavoro può tuttavia far emergere taluni comportamenti volti ad abbattere indebitamente l’onere contributivo (attraverso…

Continua a leggere...

Infortunio in itinere: lo stato dell’arte

  L’infortunio in itinere è quell’infortunio occorso al lavoratore sul percorso per andare al lavoro o durante uno spostamento per ragioni di lavoro, la cui definizione normativa è contenuta nell’art.12, D.Lgs n.38/00, che si può verificare: durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro; durante il normale…

Continua a leggere...

Licenziamento discriminatorio e reintegra: le novità alla luce del Jobs Act

  Con la novella normativa del D.Lgs. n.23 del 4 marzo 2015 è stata modificata radicalmente la tutela contro i licenziamenti invalidi per gli assunti a tutele crescenti, optando per la prevalenza della tutela indennitaria rispetto a quella reintegratoria. La tutela reale con risarcimento pieno viene riservata, ai sensi dell’art.2, D.Lgs. n.23/15, ai soli casi…

Continua a leggere...

Il patto di prova nei contratti a termine

  La liberalizzazione del contratto a termine, iniziata con la L. n.92/12 e proseguita nel corso degli anni fino al D.Lgs. n.81/15, ha eliminato l’obbligo di apporre causali al contratto individuale. Questo ha portato a un incremento dell’utilizzo di questa tipologia contrattuale. I dati relativi alle comunicazioni obbligatorie forniti dal Ministero del Lavoro confermano che…

Continua a leggere...

Nuove istruzioni sull’esonero triennale del Jobs Act

  Mentre inizia a prendere corpo, nel Disegno di Legge Stabilità, l’esonero contributivo 2016, l’Inps, con la circolare n.178 del 3 novembre 2015, ha fornito importanti chiarimenti in merito all’ambito soggettivo e oggettivo di applicazione dell’esonero triennale, previsto dalla L. n.190/14 per le assunzioni effettuate entro il 31 dicembre 2015. Sotto l’ambito soggettivo sono illustrate…

Continua a leggere...