22 Novembre 2022

Indennizzo infortunio sul lavoro: il requisito indispensabile è la sussistenza della causa

di Redazione Scarica in PDF

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 7 ottobre 2022, n. 29300, ha stabilito che il requisito indispensabile per l’indennizzabilità dell’infortunio è la sussistenza della causa o, almeno, dell’occasione di lavoro, e cioè che fra la prestazione lavorativa e l’evento vi sia un nesso di derivazione eziologica quantomeno mediata e indiretta e, quindi, una correlazione che vada al di là della mera concomitanza di tempo e di luogo, per cui anche se l’infortunio non debba essere necessariamente riconducibile a un rischio proprio insito nelle mansioni svolte dall’assicurato, deve pur sempre essere ricollegabile all’espletamento dell’attività lavorativa, nel senso che il rischio di cui è conseguenza l’infortunio sia astrattamente connesso all’esecuzione dell’attività lavorativa e al perseguimento delle relative finalità. Nel caso dell’infortunio in itinere, il rischio tutelato è, invece, quello derivante dallo spostamento spaziale del lavoratore eseguito in connessione con lo svolgimento dell’attività lavorativa.

 

Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference ti consiglia:

Expating e lavoro italiano all’estero